Chi era Guerrina Piscaglia e come conobbe Padre Gratien?

UN CASO ALLA VOTA.

Il giallo di Ca’ Raffaello esaminato dalla dottoressa Ursula Franco

 

Sabato 17 giugno 2017 prima parte:

 

 

 

 

 

 

Nell’ottobre 2016 Padre Gratien Alabi, un frate congolese che si occupava della parrocchia di Ca’ Raffaello, un exclave toscano nelle Marche popolato da meno di trecento abitanti, è stato condannato a 27 anni di reclusione per l’omicidio e la soppressione del cadavere di una sua parrocchiana, tale Guerrina Piscaglia, con la quale aveva intrapreso una relazione sessuale.

Chi era Guerrina Piscaglia e come conobbe Padre Gratien?

Una donna, moglie e madre, nata a Novafeltria (Arezzo) il 24 ottobre del 1964 e scomparsa il primo maggio del 2014 da Ca’ Raffaello, frazione del comune di Badia Tebalda in provincia di Arezzo. La Piscaglia dopo il matrimonio aveva vissuto con il marito, Mirko Alessandrini, ed il figlio Lorenzo, un ragazzo disabile cui la donna era molto legata. La routine quotidiana di Guerrina e Mirko aveva subito un cambiamento epocale nella primavera del 2013 grazie all’amicizia rivitalizzante con Padre Gratien Alabi, un frate congolese appartenente ad una congregazione africana, assegnato con altri due frati congolesi alla parrocchia di Ca’ Raffaello dopo l’addio del vecchio parroco. Padre Gratien, che aveva il ruolo di viceparroco, frequentava abitualmente la casa dei coniugi Alessandrini e gli stessi avevano l’abitudine di recarsi anche più volte al giorno a trovarlo nella canonica. Mirko Alessandrini, essendo disoccupato, si era messo a disposizione dei frati e riusciva a racimolare qualche soldo facendo dei lavoretti per loro e svolgendo funzioni di autista. Guerrina e Mirko consideravano uno svago accompagnare il frate ad officiare semplici messe o funerali nelle chiesette dei paesi limitrofi e spesso finivano per farsi una bevuta insieme dove capitava, a casa, al bar o nella canonica. La Piscaglia era stata carina in gioventù, lo si evince dalle foto che la ritraggono il giorno del matrimonio con Mirko, ma la vita di paese, il figlio handicappato ed un disturbo dell’umore l’avevano portata a trascurare il proprio aspetto. Guerrina era arrivata a pesare circa 100 chili, lei che non raggiungeva il metro e sessanta di altezza. Da qualche tempo però, a detta di tutti, parenti e conoscenti, la donna aveva cominciato a fare del moto per dimagrire, a vestirsi meglio, a truccarsi e a indossare qualche gioiello. Il cambiamento della donna, accolto con piacere dai familiari, era parso sospetto ad alcuni parrocchiani, tanto che in paese si mormorava di un rapporto non proprio religioso tra la Piscaglia e l’esuberante frate congolese, si vociferava perfino di una imbarazzante gravidanza, poco probabile vista l’età di Guerrina. La Piscaglia, prima di sparire, aveva confidato ad un’altra abituale frequentatrice della parrocchia di essersi perdutamente innamorata di Padre Gratien e che per lui voleva lasciare il marito Mirko. La donna, dopo aver ricevuto tale confidenza, aveva inviato una missiva alla curia vescovile di Arezzo nella quale metteva al corrente il vescovo del rapporto particolare tra il parroco e la Piscaglia.

Il frate congolese con i suoi modi affabili, l’abbigliamento eccentrico, il portamento sicuro e compiaciuto, i racconti affascinanti di terre lontane e le assidue frequentazioni dei suoi parrocchiani, aveva evidentemente risvegliato gli ormoni ed i sentimenti di Guerrina che, prima del suo arrivo, i suoi familiari avevano creduto sopiti per sempre. A conferma che le voci di paese avevano un qualche fondamento, gli inquirenti attraverso l’analisi dei tabulati telefonici hanno scoperto un suggestivo scambio di messaggi tra la donna scomparsa e Padre Gratien, nell’ordine di circa 4000 contatti, gli ultimi dei quali risalenti al giorno della scomparsa della donna, avvenuti intorno alle ore 13.45.

Che cosa fece la Piscaglia quel primo maggio 2014 prima di scomparire?

La mattina del primo maggio 2014, giorno della sua scomparsa, Guerrina si era fatta fare la tinta ai capelli dalla cognata e a detta della suocera la donna era ben vestita ed appariva di buon umore. La Piscaglia però verso le 11.30 aveva confidato all’amica edicolante un certo malessere: “Io oggi ho una giornata tremenda, io non so dove sparirei e se potessi andrei anche sotto (da) un ponte”. Viene da pensare che Guerrina, poco prima dell’incontro con l’edicolante, avesse ricevuto una notizia che l’aveva rattristata togliendole l’entusiasmo che invece aveva caratterizzato le prime ore di quella giornata. Quel primo maggio, dopo aver pranzato a casa dei suoceri con il marito Mirko, la donna era tornata a casa propria per poi allontanarsi di nuovo, intorno alle 14.30, per una passeggiata. La madre del marito ha riferito agli inquirenti di averla vista dalla finestra di casa sua sulla strada che conduce alla canonica di Ca’ Raffaello, percorso che Guerrina ormai faceva quotidianamente, a suo dire, per perdere un po’ di peso. Due testimoni hanno riferito di averla incontrata pochi minuti dopo, sulla strada verso Nuovafeltria. Infine, un ex postino ha raccontato di aver notato, verso le 15.00, una donna seduta sul muretto tra la strada principale del paese ed il sentiero che conduce alla chiesa di Ca’ Raffaello. Non esistono altri testimoni attendibili che abbiano riferito di aver visto la Piscaglia dopo quell’ora. I genitori di Mirko, attesa invano la donna per la cena, sono stati i primi a dare l’allarme della sua scomparsa.

Che sappiamo dei movimenti del marito Mirko e di Padre Gratien?

Mirko, il primo maggio 2014, aveva pranzato con Guerrina a casa dei suoi genitori. Una testimone racconta di aver incontrato alle 14.34 Padre Gratien sulla strada, a circa 20 metri dalla casa della Piscaglia, di essersi trattenuta a parlare con lui per circa 10 minuti, di aver notato nello stesso lasso di tempo l’Alessandrini intento a lavare la Ford del frate, macchina che l’uomo era andato a prelevare alle 13.00 presso la canonica usando la propria auto. Mirko ha riferito agli inquirenti di essere tornato alla chiesa con l’auto del frate pulita intorno alle 14.50, di aver suonato alla porta di Padre Gratien, di avergli consegnato le chiavi della Ford, di aver aspettato in cortile che il viceparroco si cambiasse gli abiti, fumando, nel frattempo, una sigaretta, per poi dirigersi a Presciano di Sestino, una frazione di Sestino che si trova a circa diciotto chilometri da Ca’ Raffaello. Padre Gratien Alabi, atteso per officiare un funerale alle 16.00 (a detta di una parente del defunto, a causa del ritardo del frate il funerale era iniziato alle 16.20), finito il funerale, intorno alle 17.00, si era di nuovo mosso in auto con Mirko per raggiungere la vicina Sestino e celebrare la messa delle 18.00 in un’altra chiesa. Verso le 18.45 circa, Padre Gratien e Mirko si erano fermati in un bar a bere qualcosa ed erano stati raggiunti nel giro di pochi minuti da Padre Silvano dopo che lo stesso era stato contattato telefonicamente da Padre Gratien.

Secondo lei come andarono i fatti?

Guerrina, quel primo maggio, aveva inviato al frate un messaggio dal seguente testo: “Vengo da te cucino il coniglio e poi facciamo l’amore”, Padre Gratien le aveva risposto: “Il coniglio l’ha cucinato un’altra signora”, nell’intento evidentemente di dissuadere la Piscaglia dal presentarsi da lui, ma poi, alle 13.45, al fine di evitare che la donna gli inviasse altri messaggi, si era visto costretto a scriverle: “La porta della canonica è aperta”. Il viceparroco non aveva atteso però Guerrina in canonica ma era uscito, proprio per non vederla. Se Padre Gratien fosse riuscito ad evitate Guerrina fino al momento in cui Mirko non si fosse recato da lui per portarlo a Presciano di Sestino, avrebbe potuto non incontrarla per tutto il resto della giornata, per questo il frate lasciò la canonica. In quell’occasione, come abbiamo già visto, incontrò una parrocchiana proprio sotto casa di Mirko e si trattenne con lei qualche minuto. Si è potuto ricavare l’orario preciso di quell’incontro, le 14.34, grazie ad un messaggio ricevuto dalla parrocchiana mentre si trovava con il frate. Dopo quell’incontro il viceparroco tornò alla chiesa per cambiarsi gli abiti in quanto doveva recarsi ad officiare due messe nei paesi vicini con l’Alessandrini. Quindi, solo al suo rientro in canonica, qualche minuto prima delle 15.00, il viceparroco trovò ad attenderlo la Piscaglia ed in seguito ad una discussione l’uccise. Mirko arrivò alla canonica, forse con qualche minuto di ritardo rispetto alle 14.50, orario da lui indicato. L’Alessandrini, con tutta probabilità, suonò a Padre Gratien proprio subito dopo l’omicidio e, come da lui riferito, il frate non lo fece entrare, pertanto rimase in cortile a fumare, aspettando che il viceparroco si cambiasse. In realtà, il frate era intento a nascondere temporaneamente l’ingombrante cadavere di Guerrina nella canonica. Infine, Mirko e Padre Gratien si diressero in auto a Sestino e durante il tragitto il frate chiese all’Alessandrini di tornare indietro con la scusa di dover prendere un libro, il viceparroco, raccontò a Mirko una menzogna, egli volle tornare indietro, forse per prendere il telefonino della Piscaglia o per altro, ma sempre per un motivo legato all’omicidio. E’ possibile che Padre Giovan Battista fosse nella canonica durante l’omicidio e molto probabilmente aiutò Padre Gratien ad occultare definitivamente il cadavere di Guerrina quella stessa notte. Lo si evince da una chat di agosto, uno scambio di messaggi intercorso tra i due ‘religiosi’ mentre Padre Giovan Battista si trovava ad Haiti, che aveva raggiunto nel mese di luglio, Padre Gratien gli chiese aiuto e non avendo ricevuto risposta lo ricattò, minacciando di diffondere un video in suo possesso che avrebbe potuto danneggiarlo.

Quanto è importante il ritardo con cui Mirko ed il frate giunsero a Presciano di Sestino per il funerale?

Il ritardo con cui Mirko e Gratien giunsero al funerale è cruciale, colloca temporalmente l’omicidio intorno alle 15.00, infatti se non ci fosse stato l’imprevisto dell’omicidio o se l’omicidio fosse stato commesso tra le 13.46 e le 14.39, l’Alessandrini ed il frate sarebbero giunti in orario al funerale, si impiegano solo una ventina di minuti per raggiungere Presciano di Sestino da Ca’ Raffaello e Mirko ha riferito agli inquirenti di essere arrivato in canonica per prendere il viceparroco con largo anticipo. Il ritardo con cui l’Alabi e l’Alessandrini arrivarono al funerale è significativo, questo ritardo, che né Padre Gratien né Mirko hanno mai riferito agli inquirenti e che quando è venuto alla luce nessuno dei due uomini ha giustificato, è uno dei punti deboli del loro racconto, è una sospetta anomalia e la chiave del mistero di questa scomparsa. Questo ritardo ci permette di collocare temporalmente l’omicidio. Dopo circa sei mesi dalla scomparsa della moglie, verso la metà di ottobre, Mirko, ha spiegato finalmente quei 20 minuti di ritardo, ha riferito ad un giornalista di essere tornato indietro con l’auto perché il frate aveva dimenticato un libro in canonica. Mirko: “Mi sono ricordato che si era dimenticato di un libro in chiesa, però non mi ricordo in che punto siamo tornati indietro”. E comunque la motivazione addotta dall’Alessandrini non basta a giustificare quel ritardo, Mirko non ci dice quanto tempo Padre Gratien abbia impiegato per prendere il libro, né quanto tempo lo abbia fatto aspettare all’esterno della canonica mentre si cambiava gli abiti. Se lui e padre Gratien fossero partiti e tornati indietro solo per prendere un libro, come dice Mirko, ipotizzando un’inversione della marcia a circa metà strada, partendo alle 15.10-15.15 come riferito da lui, i due avrebbero impiegato solo 20 minuti in più e quindi sarebbero arrivati alle 15.55-16.00 circa, in tempo per il funerale fissato per le 16.00. Questo ritardo che nessuno dei due uomini ha spiegato per lunghi mesi ci fa inferire che evidentemente è successo qualcosa di critico intorno alle 15.00 e che il frate si è fatto attendere dall’Alessandrini per lungo tempo.

 

Secondo lei padre Gratien uccise Guerrina in strada, come ritiene l’accusa, o dentro la canonica?

Padre Gratien non uccise Guerrina in strada, vi spiego perché: nel messaggio inviato da Gratien a Guerrina si parlava di una porta della canonica aperta; il frate non avrebbe discusso in strada con Guerrina del loro rapporto sentimentale che voleva tenere nascosto tanto che la uccise per evitare che divenisse pubblico, lo avrebbe fatto solo in un posto sicuro, lontano da orecchie indiscrete; un ambiente chiuso e protetto favorisce le reazioni violente al contrario di un luogo pubblico dove si corre il rischio di essere visti; Gratien non fece entrare Mirko nella canonica ma lo lasciò ad aspettare in cortile perché aveva appena commesso l’omicidio ed il corpo di Guerrina si trovava all’interno della struttura; se Padre Gratien avesse ucciso Guerrina tra le 13.46 e le 14.39, non sarebbe uscito e non avrebbe perso tempo in chiacchiere con una parrocchiana ma si sarebbe preoccupato di occultare il corpo della Piscaglia in quell’occasione e non sarebbe arrivato in ritardo al funerale; il frate perse tempo a nascondere il cadavere della sua vittima, anche se temporaneamente, solo intorno alle 15.00, perché solo a quell’ora la uccise e per questo arrivò in ritardo al funerale; Gratien rientrò in canonica, con la scusa di prendere un libro, tornò sulla scena del crimine e probabilmente in quell’occasione prese il cellulare di Guerrina. Se il corpo della donna non fosse stato all’interno della canonica non vi sarebbe tornato..

Dottoressa Franco, riguardo al telefonino della Piscaglia cosa può dirci?

I tentativi del viceparroco di depistare le indagini inviando messaggi dal telefonino della vittima, messi in atto allo scopo di avvalorare la tesi dell’allontanamento volontario della Piscaglia, sono stati un clamoroso flop, e hanno condotto all’effetto opposto. Il telefonino di Guerrina ha continuato a funzionare fino al 24 di luglio, l’esame delle celle telefoniche ha rilevato che ogni volta che è stato inviato un messaggio dal telefonino di Guerrina o è stato fatto un tentativo di chiamata dallo stesso, il cellulare della donna scomparsa e quello di Padre Gratien hanno agganciato la stessa cella.

Domenico Leccese

… continua sabato 24 giugno 2017 sul quotidiano ROMA (seconda parte)