Carlomangno (PD): «Mi spiace dirlo ma allora Giachetti aveva ragione»

Condividi subito

Geppino Carlomagno

Ho appreso dalla stampa, ed in particolar modo dal quotidiano “Il Roma”, che il deputato Roberto Speranza  pur non facendo più parte del Partito democratico continua a percepire lo stipendio dal nostro partito. Trovo vergognoso questo fatto tanto più che lo stesso Speranza non passa giorno che non butti veleno contro Matteo Renzi. In particolare ho trovato fuori luogo l’accusa di Speranza quando dice che il Pd si è spaccato per colpa di Renzi. Vorrei dire al deputato Speranza che noi lucani abbiamo buona memoria: dal 2009 al 2013 mentre era segretario regionale del Pd ha fatto solo disastri con scelte perdenti un po’ dappertutto. Ma la cosa più brutta è che pur avendo abbandonato il Pd con tanto di accuse e polemiche oggi continua ad avere “il barbaro coraggio” di rimanere dipendente del Partito democratico.  Mi spiace ammetterlo ma a questo punto devo dire che ebbe ragione Roberto Giachetti quando nell’assemblea nazionale pronunciò pronunciò quella frase diventata poi famosa contro Roberto Speranza («ha la faccia come il culo» ndr).  Da parte mia posso solo assicurare che se non si dovesse licenziare a breve dal partito invierò una lettera sia a Lorenzo Guerini che a Matteo Orfini  dove chiederò come renziano un incontro perché con questi personaggi che vogliono stare con un piede fuori e un altro dentro non dobbiamo avere più nulla a che fare.

Geppino Carlomagno

LE REAZIONI SUI SOCIAL

Nessuna novità dalle alte sfere del Partito democratico. E nemmeno dal nuovo partito degli scissionisti. Né tantomeno arrivano notizie ufficiali da parte del parlamentare lucano ex del Partito democratico, Roberto Speranza sulla rinuncia e quindi sulle proprie dimissioni da dipendente (inquadramento coordinatore) del Pd nazionale. Insomma tutto tace ancora. Tranne che sui social dove la vicenda inizia a diventare virale. In poche ore la notizia resa da Il Roma è stata condivisa sulle varie bacheche di Facebook e su Twitter centinaia di volte. Impossibile contare i commenti che ovviamente superano le condivisioni. Il tenore dei post e dei commenti non sono morbidi nei confronti del deputato lucano Roberto Speranza che nel migliore dei casi viene invitato a restituire le somme percepite. Nelle foto alcuni esempi.

Condividi subito