Le Cronache Lucane

MEZZO MILIONE DI EURO PER LA SCUOLA ELEMENTARE DI AVIGLIANO CHE È ANCORA CHIUSA

Condividi subito

Antonio Pace, consigliere comunale di Avigliano, si lascia andare a una dura reprimenda nei confronti dell’amministrazione comunale. «Una travagliata vicenda – afferma il consigliere – questa dei lavori di miglioramento sismico della scuola che ha inizio nel lontano 2013 con un finanziamento dalla Regione Basilicata per un importo di quasi 500.000,00 euro, lavori poi appaltati dal Comune e approvati dalla giunta comunale di Avigliano a fine 2015 e che vedono sottoscrivere il contratto con l’impresa appaltatrice solo a luglio 2016. Il nuovo anno è iniziato e, a riconferma del solito andazzo, gli impegni assunti dell’amministrazione comunale di Avigliano puntualmente vengono smentiti dai fatti: un Sindaco ed una giunta totalmente inadatta, che quasi nulla fa per la nostra comunità e quando si trova a fare qualcosa la fa anche male».  Pace fa notare che anche l’ultimo impegno assunto pubblicamente dal sindaco Vito Summa non è stato rispettato. «il 9 gennaio gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Avigliano Centro” sarebbero dovuti rientrare nel plesso scolastico Silvio Spaventa Filippi, di Via Porta Potenza ed invece tutto ancora rinviato a data da destinarsi». «Questione questa che, per esclusiva responsabilità dell’amministrazione comunale, ha registrato – lamenta il consigliere – un ingiustificato e grave ritardo, sprecando inutilmente tre mesi estivi per l’inizio dei lavori, ed ha comportato il trasferimento di circa 300 alunni tra materna ed elementare in un vecchio istituto prefabbricato post sisma 1980, quello di Via XIII agosto, ad oggi ancora inadeguato in materia di Prevenzione Incendi nonostante le prescrizioni del Comando Vigili del Fuoco che perentoriamente stabilivano il termine ultimo per l’adeguamento al 31 dicembre 2016». «Un periodo disastroso per la scuola ad Avigliano – sottolinea Pace-, con un istituto migliorato simicamente ma ancora inutilizzabile, un altro dove i riscaldamenti sono mal funzionanti, la palestra è inutilizzabile e l’impianto antifulmine divelto, e in ultimo con la mensa chiusa per una settimana, il tutto con un trasporto scolastico alla meno peggio e notevoli disagi agli alunni, alle loro famiglie, e al normale svolgimento delle attività scolastiche». «Questa è l’ennesima riprova della più totale disattenzione ed inadeguatezza dell’amministrazione comunale di Avigliano – conclude il consigliere – rispetto alla risoluzione delle problematiche e alla capacità di guidare la nostra comunità che in più occasioni abbiamo come gruppo consiliare di minoranza fortemente denunciato in consiglio comunale».

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: