LEGA UN CUCCIOLO ALL’AUTO E LO TRASCINA FINO ALLA MORTE

Condividi subito

caneA Venosa, un paese in provincia di Potenza, si è consumato un atto di inaudita atrocità. Un cucciolo di cane è stato legato ad un’automobile con una corda e trascinato fino alla morte. A denunciare l’accaduto sono i volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, informati del fatto dalla polizia locale. I volontari hanno provveduto a raccogliere il corpicino martoriato dell’animale, ora conservato presso il canile comunale. Fortunatamente, nella tragedia, una persona ha assistito al consumarsi del crimine, informando i carabinieri e riuscendo ad annotare il modello dell’auto e il numero di targa quasi per interno. “A questo punto – afferma la presidente LNDC, Piera Rosati – le autorità possono risalire senza grandi difficoltà e ritardi al proprietario e quindi effettuare tutte le indagini per dare un volto all’autore della barbarie. Il reato non deve restare impunito. Interpelliamo la prefettura, il sindaco, le forze di polizia intervenute, a dare una risposta sollecita alla richiesta di giustizia. Fermo restando che la Lega nazionale del cane si costituirà parte civile, continueremo a interpellare le autorità fin quando non avremo risposta”. All’appello si unisce anche Fare Ambiente Basilicata. “Confidiamo nell’impegno del primo cittadino di Venosa – afferma la coordinatrice ragionale Patrizia Baccari – nel dare un volto alle orribili persone artefici di tale crudeltà, la petizione lanciata su change.org è stata firmata e noi di Fare Ambiente rimaniamo a disposizione per ulteriori iniziative”. Sconcerto è stato manifestato anche dal coordinatore provinciale di Potenza, Antonio Tolve, che definisce l’episodio figlio di viltà e codardia.

Condividi subito