SISMA E PETROLIO, CSAIL: PIÙ SICUREZZA IN VAL D’AGRI

«Mentre il Ministro dello Sviluppo Economico Calenda alla platea del cartello di soggetti imprenditoriali filo-petrolieri invitava, saggiamente, a spendere le royalties del petrolio pensando alla crescita, la ricerca pubblicata sulla rivista Scientific Reports rimette al centro la questione sicurezza per le comunità del comprensorio del petrolio». E’ il commento del Csail affidato al portavoce Filippo Massaro che ribadisce: «La gente della Val d’ Agri ha diritto di sapere come stanno effettivamente le cose e quindi quali sono le conseguenze tra attività petrolifera e rischio sismico in una zona, non si sottovaluti, inserita nella classificazione delle “zone 1” vale a dire a più alto pericolo sismico». Nel ricordare che negli anni passati il Csail ha sollevato la questione con la necessità di intensificare le indagini e gli studi, in contemporanea con programmi e progetti specifici di prevenzione ad opera in primo luogo di Prefettura e Comuni, con urgenza per piano sicurezza del Centro Oli Viggiano, Massaro afferma: «Siamo stati tacciati di fare allarmismo e quindi di diffondere notizie poco attendibili. E adesso che anche autorevoli scienziati mettono in guardia da non prenderla alla leggera? La conclusione cui è pervenuto lo studio che è stato condotto in collaborazione con l’Eni – si legge nella nota – non si presta a particolari e differenziate valutazioni: là dove sono state compiute le operazioni di la re-iniezione di acque di strato, a distanza di poco tempo sono avvenuti terremoti di magnitudo lieve, (classificati al massimo 2,2) ma interpretati come il fenomeno della sismicità indotta. Non resta quindi che approfondire questi aspetti scientifici magari finanziando ulteriori ricerche proprio attraverso le royalties e mettendo a confronto gli studiosi dell’Ingv con i geologi che, secondo quanto riferiscono i giornali, metterebbero in discussione le tesi dei geofisici e vulcanologi». Quelle royalties che il difensore d’ufficio del Governatore, il portavoce di “Pensiamo la Basilicata al modo dei petrolieri”, vorrebbe far credere, dice Massaro, seguono un efficace percorso di programmazione e di spesa solo perché al tavolo della Regione anche lui ha partecipato alla spartizione del fondo costituito dall’ex card carburanti. «Si metta mano inoltre all’aggiornamento dei piani comunali di protezione civile, a partire da Viggiano, Marsicovetere e Grumento Nova, anche in questo caso utilizzando le royalties.