CIA: SERVONO ACCORDI SINERGICI PER L’AGROALIMENTARE LUCANO

Condividi subito

«La proposta dei “Network dei Valori”, ovvero «accordi sinergici ben codificati tra l’agricoltura, l’artigianato, il commercio, la logistica e gli enti locali per costruire un percorso virtuoso intorno alle produzioni agroalimentari», lanciata dall’assemblea nazionale della Cia-Confederazione Italiana Agricoltori, può segnare una svolta per l’agroalimentare lucano. Un comparto che nel 2015 ha prodotto oltre 15 milioni di euro in più soprattutto grazie alla ripresa dell’export dei prodotti dell’industria di trasformazione (in un anno da 26,1 a 36,4 milioni di euro, pari al +39,5%), mentre le vendite dei prodotti agricoli non trasformati, che rappresentano il 56% circa del totale della filiera agroalimentare, sono aumentate dell’11,8% (quasi 5 milioni di euro in più)». E’ il commento del direttore regionale della Cia Donato Distefano che ha guidato la delegazione lucana formata da un centinaio di dirigenti delle organizzazione del “sistema Cia” (Agia, Donne in Campo, Anp, Gie, Inac), sottolineando che la crescita del Pil certificata dalla Svimez non è solo merito della Fca di Melfi. «L’intenzione – ha spiegato – é dare vita a “Reti d’impresa territoriali” “capaci di mettere in trasparenza l’intero processo che porta i prodotti agricoli e alimentari di quel luogo dal campo al consumatore. Con un codice di tracciabilità ad hoc, da apporre sul packaging dei cibi, a certificazione e garanzia del processo avvenuto all’interno di un accordo di rete”. “Il progetto è ambizioso – ha sottolineato il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino – Ma è una strada che bisogna percorrere perché porterebbe benefici a tutti i comparti coinvolti: non solo quello produttivo, ma anche quello della logistica e del commercio, fino ad arrivare ai consumatori». «È stata – ha detto ancora il direttore della Cia lucana – un’occasione molto importante per il confronto che abbiamo avuto da una parte con il Governo, rappresentato dai Ministri del Lavoro Poletti e dell’Agricoltura Martina e dall’altra con i rappresentanti delle altre categorie, come artigianato e industria». Nel confronto con il Governo, continua, abbiamo affrontato tutte le tematiche più urgenti per l’agricoltura e cioè la necessità di un processo di sburocratizzazione rapido ed incisivo di cui fino ad ora si è parlato tanto ma che non ha avuto risvolti pratici di rilievo e lo studio di soluzioni che permettano all’agricoltura di poter avere una maggiore rappresentanza ed un maggior peso politico in modo da tutelare al meglio un settore di fondamentale importanza per tutta l’economia.

Condividi subito