BANDO PER OSS ANNULLATO AL SAN CARLO: INTERVENGONO I SINDACATI

Il Tar di Basilicata ha annullato, nei giorni scorsi, il bando per l’assunzione di 41 operatori socio-sanitari all’ospedale San Carlo di Potenza (clicca qui per leggere l’articolo). Donato Lovallo, segretario aziendale di Fp Cgil si è pronunciato sul blocco del concorso, affermando: «La RSU della Cgil ha chiesto più volte l’avvio di bandi pubblici a tempo determinato per le disponibilità di personale infermieristico e di supporto. Ci chiediamo, ormai da più di un anno, perché l’Amministrazione del nosocomio nonostante le reiterate richieste di avviso pubblico, non voglia prendere tale decisione, cosa che andava fatta già da tempo viste le perenni carenze che ci sono. La Direzione Strategica cosa aspetta a definire percorsi, anche se pur a tempo determinato per sostituire il personale assente a vario titolo, come gravidanza, mobilità interregionale e pensionamenti, le unità operative per effetto di queste carenze, già oggi si trovano in forte crisi e rischiano di non garantire più un erogazione ottimale di servizi ai cittadini. Non si può andare avanti solo con la buona volontà dei dipendenti, che se pur allo stremo e con forti difficoltà per le norme che vietano i doppi e tripli turni, continuano a garantire prestazioni agli abitanti di questa regione, quindi è arrivato il momento di avviare tutti gli avvisi pubblici utili, facendo si che tutte queste lacune di organico vengano colmate. Questa O.S. in mancanza di un’adeguata risposta, d’intesa con le altre organizzazioni sindacali attiverà iniziative di mobilitazione a tutela dei lavoratori».