IL SAN CARLO SI DOTA DI NUOVE MACCHINE

Condividi subito

Nuovi strumenti diagnostici al San Carlo di Potenza. L’azienda ospedaliera potentina ha deciso di «rafforzare e rinnovare» le sue dotazioni tecnologiche acquistando una Pet-Tc e due nuove macchine di risonanza magnetica. «Questi strumenti – ha spiegato l’azienda ospedaliera -presenteranno la configurazione ottimale per le alte specialità del San Carlo e in particolare per esami diagnostici di cardio-radionogia, neuro-radiologia e “imaging” oncologico». Pet-Tc 64 Strati – Il sistema Pet-Tc attuale (struttura mobile disponibile 3 giorni a settimana) operante al San Carlo dall’ottobre del 2005 presso la Unità Operativa di Medicina Nucleare sarà sostituito da una macchina di ultima generazione operativa per l’intera settimana. Si tratta di uno strumento estremamente performante a tecnologia TOF (“tempo di volo”) in grado di ridurre l’esposizione alle radiazioni di circa il 30% rispetto a macchine non TOF. Sarà inoltre munita di gating respiratorio per l’ottimale sincronizzazione delle immagini Pet con quelle Tc per ottenere la massima sensibilità anche per le le lesioni polmonari più piccole. Lo strumento Pet, dotato di una Tc 64 strati e sofisticati software operativi, vedrà un proficuo impiego multidisciplinare per esami di cardiologia (studio integrato coronaro-TC e miocardio vitale PET) oppure per la migliore definizione del bersaglio da trattare con la radioterapia (volume vitale Pet e non solo volume morfologico Tc). La spesa deliberata per l’impianto è di circa 1,5 milioni di euro.  Risonanza magnetica dedicata osteoarticolare – E’ stata acquistata, con una spesa di circa 250 mila euro, un’attrezzatura aperta dedicata agli esami osteoarticolari (colonna vertebrale e articolazioni). Sarà possibile così decongestionare le attrezzature più complesse da esami delle articolazioni, aumentando, quindi, efficacia ed appropriatezza. La RM aperta risolverà anche i problemi di gestione dei pazienti claustrofobici e dei bambini. Risonanza magnetica ad alto campo – Questo strumento, del costo di 1,2 milioni di euro, andrà a sostituire la storica RM 1 ormai obsoleta e permetterà di assicurare una gamma di nuove prestazioni di alto profilo diagnostico: cardioRM, spettroscopia cerebrale, diffusion trattography, RM multiparametrica della prostata. Questo strumento sarà inoltre caratterizzato da un gantry più ampio (maggiore apertura del magnete) per ridurre gli effetti claustrofobici.

Condividi subito