COMUNE MESSO CON LE SPALLE AL MURO PER IL VIVIANI

documento-sportÈ guerra per l’utilizzo del Viviani col nuovo manto erboso sintetico. Il comune di Potenza in origine aveva stanziato i 540.000 € necessari per eseguire i lavori affinché anche le società minori potessero utilizzare la struttura. Il sintetico, infatti, avrebbe risolto l’atavico problema della manutenzione del tappeto in caso di utilizzo di più soggetti. Ma poi si è cambiato percorso. E così, qualche giorno fa, il Comune ha annunciato di voler sottoscrivere col Potenza Calcio una convenzione per l’utilizzo esclusivo. A cosa è servito allora spendere tanti danari pubblici? Per il beneficio solo di una società? A quel punto si sarebbero potuti spendere per altro. Per esempio per gli spogliatoi e per dei locali commerciali che potessero dare linfa in maniera lungimirante alla società. Forti le polemiche. Con queste motivazioni, in sostanza, tre società hanno formalizzato stamane richiesta al comune per l’utilizzo dello stadio per le ore nelle quali non vi è attività della prima squadra. Il Cittadella, infatti, ha chiesto di poter giocare il sabato pomeriggio, quando il Potenza sta fermo. Santa Maria e Dedalo, invece, sempre negli orari in cui il Potenza non gioca o si allena, hanno chiesto di poterlo utilizzare per le attività del settore giovanile. Le istanze sono state protocollate al Comune presso l’ufficio sport. Per il principio d’imparzialità della pubblica amministrazione, bisognerà vedere come il comune gestirà la cosa. Essendlavori-vosi manifestate più volontà d’interesse, senza alcun aggravio di costi per l’Ente pubblico e senza fastidi per il Potenza Calcio, come si giustificherà sottoscrive la convenzione solo con una società? In molti sono convinti che il Comune debba ora necessariamente ricorrere all’evidenza pubblica per l’assegnazione dell’utilizzo dello stadio Viviani.