IL COMUNE DI PISTICCI CONTRO I DISSERVIZI

Condividi subito

Il Comune di Pisticci annuncia l’adesione a un nuovo servizio per stimolare e migliorare il rapporto di collaborazione e comunicazione dell’ente con i cittadini. Si chiama Decoro Urbano ed è un progetto di “Cittadinanza Attiva”, una sorta di social network per il dialogo con la Pubblica Amministrazione. Attraverso il sito web pisticci.decorourbano.org o l’app per smartphone e tablet scaricabile direttamente da Google Play o App Store, ogni cittadino, opportunamente identificato tramite il proprio profilo Facebook, l’account Twitter o con normale procedura di registrazione online, potrà effettuare segnalazioni agli uffici competenti su criticità e dissesti del territorio. Le varie problematiche da condividere con l’Amministrazione Comunale e con gli uffici riguarderanno i rifiuti, il vandalismo e l’incuria delle zone verdi, il dissesto stradale, la segnaletica e le affissioni abusive. Pisticci è Comune attivo nella rete degli enti che partecipano al network Decoro Urbano, attualmente in grado di creare una community di oltre quattro milioni di cittadini. Il funzionamento del servizio è molto semplice: si vede qualcosa che non va, lo si fotografa, possibilmente con il GPS del dispositivo attivato in modo da georiferire il punto da segnalare, e lo si inoltra tramite un sistema automatizzato. In particolare, il team di Maiora Labs, responsabili del progetto, effettua un controllo preventivo sulle segnalazioni impedendo la pubblicazione di quelle inutili o non pertinenti e procedendo alla pubblicazione sul sito di Decoro Urbano, dove il cittadino potrà seguire lo status della segnalazione fino alla risoluzione definitiva. Il servizio è gratuito sia per il cittadino che per il Comune e permetterà di agevolare il lavoro degli uffici amministrativi evitando le inutili code tipiche della burocrazia italiana. Convinti che il coinvolgimento diretto dei cittadini sia il modo migliore per tutelare il territorio, anche i cittadini di Pisticci possono, quindi, diventare sentinelle del territorio, come recita uno slogan del progetto.

Condividi subito