BASILICATA, BANKITALIA: RIPRESA ECONOMICA A RITMO MODESTO

Condividi subito

Nei primi nove mesi del 2016 è proseguita la ripresa economica, in Basilicata, anche se a ritmo modesto. E’ quanto emerge dalla ricerca “L’Economia della Basilicata, aggiornamento congiunturale”, realizzata dalla Banca d’Italia e illustrata a Potenza. Nel settore manifatturiero aumentano le imprese che hanno dichiarato un aumento del fatturato (rispetto a quelle in cui si è registrato un calo), ed è proseguita la crescita dell’automotive, mentre nel comparto estrattivo l’andamento è stato negativo, principalmente a causa della sospensione delle attività nel Centro Oli della Val d’Agri, in relazione all’inchiesta della Procura della Repubblica. Dallo studio emerge che è ancora debole il settore edile (l’attività produttiva ha infatti beneficiato solo in parte della ripresa delle transazioni nel mercato residenziale), mentre quello turistico vede un aumento delle presenze del 4,8 per cento, anche se inferiore ai livelli del 2015. Nei primi sei mesi dell’anno, inoltre, l’occupazione è cresciuta dell’1,3 per cento, anche se con un dato inferiore alla media del Sud e del Paese: sono aumentati i lavoratori autonomi e il tasso di disoccupazione è sceso al 13,5 per cento. I prestiti bancari sono lievemente aumentati, dopo aver ristagnato alla fine dello scorso anno. L’aumento è risultato più intenso per i finanziamenti alle famiglie. la dinamica del credito alle imprese è migliorata rispetto alla fine del 2015, beneficiando soprattutto dell’incremento dei prestiti erogati al settore dei servizi. La qualità del credito ha evidenziato un miglioramento: sono diminuiti sia il tasso di ingresso in sofferenza sia quello di deterioramento, che include anche i prestiti caratterizzati da un minor grado di anomalia rispetto alle sofferenze. È proseguita la crescita dei depositi, sostenuta dalla dinamica dei conti correnti.

Condividi subito