ASSESSORE ALLA PROGRAMMAZIONE: «SNELLIRE LA PROCEDURA DI ASSEGNAZIONE FONDI PER AIUTARE LE IMPRESE POTENTINE»

cutro“Accolgo con soddisfazione l’approvazione della DGR n.1190 del 19/10/2016, indicante gli adempimenti connessi alla procedura negoziale tra Regione Basilicata e il Comune di Potenza, nell’ambito della programmazione comunitaria del PO FESR Basilicata 2014-2020” . Così l’assessore alla Programmazione Donatella Cutro a margine dell’approvazione della delibera che consentirà al Comune di Potenza di accedere a tutte le opportunità derivanti dai fondi comunitari. “Questa delibera – sottolinea l’assessore Cutro – nasce da diverse interlocuzioni avvenute tra Comune di Potenza e Regione Basilicata, ed è stata concepita come un provvedimento che attribuisce all’Autorità di Gestione del PO FESR le funzioni di coordinamento dell’iter di definizione e di attuazione del documento strategico dell’ ITI sviluppo urbano della città di Potenza. Il Comune di Potenza con delibera di Giunta comunale n. 136 del 4/10/2016 ha infatti istituito il proprio partenariato suddiviso tra partner istituzionali, partner economico-sociali e organismi della società civile, al fine di sostenere e realizzare progetti attraverso il coinvolgimento , nel processo decisionale e di costruzione delle scelte, della città di Potenza, favorendo la risposta ai reali bisogni della collettività. Infatti, sin da subito – prosegue l’assessore – l’ITI urbano e’ stato condiviso con gli assessori e con il sindaco De Luca, per tracciare il percorso strategico e programmatico della città, delineando le priorità da perseguire. A tal proposito si potrebbe provare a velocizzare la gestione della programmazione e già da subito prevedere una deroga alla procedura negoziale relativamente al pacchetto di agevolazioni ‘CreOpportunità’ riservando una specifica dotazione finanziaria, nelle tre categorie previste dal pacchetto, per la città di Potenza, per consentire alle imprese e ai professionisti della città di Potenza di avere maggiori opportunità di accedere alle iniziative regionali ed utilizzare immediatamente le risorse della programmazione 2014-2020” conclude Cutro.