NASCE “WOMEN RUN THE SHOW”. UN PROGETTO CONTRO IL DISAGIO

Condividi subito

“Women run the show”: è un nuovo progetto sociale di Terziario Donna Confcommercio creato insieme a Telefono Rosa con il Patrocinio del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con il contributo tecnico di Samsung, per sostenere il recupero psicologico delle donne che hanno alle spalle una storia di disagio sociale e familiare al fine facilitarne il reinserimento nella comunità e nel mondo del lavoro. Lo riferisce Incoronata Lucia, Terziario Donna Confcommercio Potenza, sottolineando che la violenza sulle donne è un problema reale e sempre più drammatico per chi lo subisce. Ma uscirne e riprendere in mano la propria vita, anche se difficile, è possibile.
L’iniziativa – è scritto nella nota – nasce anche con l’importante obiettivo di sensibilizzare tutti a combattere la violenza fisica e psicologica che una donna può trovarsi a subire all’interno delle mura domestiche, violenza che distrugge da tutti i punti di vista sia le vittime dirette, sia i loro figli. Un fenomeno, questo, che non può essere ignorato, perché in crescita in tutto il mondo e anche nel nostro Paese, dove oltre il 70% delle donne lo percepisce come uno dei problemi sociali più rilevanti, secondo solo alla disoccupazione. In Italia sono oltre 6 milioni le donne che hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza, numero che rappresenta circa il 31% delle donne tra i 16 e i 70 anni. In genere sono i partner (attuali o ex) che commettono le violenze più gravi: il 62,7% degli stupri è commesso infatti da un partner attuale o precedente. Se si considera che molte di queste donne hanno figli, nel corso degli anni è cresciuta la percentuale dei bambini che hanno assistito ad episodi di violenza sulla propria madre, con effetti devastanti sulla loro modalità di socializzazione e di comportamento futuri (Fonte: dati ISTAT, Giugno 2015).

Il percorso di reintegro – evidenzia la Confcommercio – deve partire anche dal recupero della propria autostima, dimensione altrettanto importante.

Condividi subito