POTENZA-TRASPORTI: AL VIA LA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA MA E’ GIÀ POLEMICA

tornelliDa domani partirà il sistema di bigliettazione elettronica per il servizio di trasporto pubblico integrato di Potenza, che interessa sia le scale mobili che gli autobus urbani. A renderlo noto la ditta Trotta, che gestisce il servizio. Una notizia che ha portato malcontento tra i sindacati, che hanno deciso di controbattere la scelta della ditta sottolineando alcuni punti che per loro andrebbero sicuramente rivisti. La ditta ha deciso di attivare il nuovo sistema di pagamenti elettronici solo sull’impianto Prima”, le scale mobili di XVIII Agosto, e su tutti gli autobus. Successivamente appena disponibile la connessioni interne, i tornelli saranno attivati sugli impianti di Santa Lucia, Armellini e Basento che per ora saranno fruibili solo con il sistema tradizionale di biglietteria cartacea. “Da domani sarà avviata la nuova bigliettazione elettronica del sistema di trasporto pubblico urbano, ma nonostante l’apprenda con gioia inutile negare che conta dei risvolti negativi. Mi diventa difficile capire che senso ha avviare una bigliettazione elettronica in un solo impianto e lasciare gli altri momentaneamente con il vecchio sistema, ma questo possiamo considerarlo il lato più soft della questione”. Così Sebastiano Colucci della Fit-Cisl commenta la scelta della Trotta. Il sindacalista, inoltre, sottolinea come sia errata l’eliminazione della corsa semplice: “Nel nota inviata dalla ditta Trotta viene comunicato che è stato eliminato il biglietto corsa singola, una scelta che viola nettamente il capitolato speciale di appalto che la Trotta bus ha accettato di rispettare partecipando alla gara. L’Art.13, al punto 6 – cpv. 5, del capitolato sottolinea che: ‘’ si dovrà ammettere l’acquisto a bordo del solo titolo di viaggio corsa semplice tramite emettitrice automatica o altro sistema con pagamento a sovraprezzo’’. Nella nuova bigliettazione la Trotta avvisa che per salire a bordo degli autobus l’utente dovrà necessariamente salire dalla porta anteriore del mezzo quella in corrispondenza dell’autista e dovrà obbligatoriamente avvicinare la propria tessera/carnet in prossimità della macchinetta obliteratrice. Se l’utente però fosse sprovvisto di biglietto per proseguire il viaggioautobus-bigliettazione dovrà acquistare necessariamente dall’autista un biglietto integrato di 90 minuti al prezzo maggiorato. Colucci anche su questo evidenzia che: “In questa nota della ditta oltre ad apprendere che è stato eliminato il biglietto semplice da 0,25 euro si legge che l’acquisto negli impianti di scale mobili potrà essere erogato dagli operatori. Diventati, in pratica, per questa decisione aziendale “emettitrici automatiche”, violando sia l’Art.13 del capitolato che l’integrativo regionale del 1988”. Colucci conclude circa le ultime vicende che hanno riguardato il tema dei trasporti: “Con rammarico constatiamo che il Comune lasci che questa azienda violi ogni singola parte del contratto di servizio, anche dopo aver ricevuto varie note dalle sigle sindacali Cisl-Uil e UGL. Ricordando che anche l’ANAC ha avviato una procedura   sanzionatoria nei confronti del Comune, per la fideiussione presentata dalla ditta. A pagare questa incompetenza dell’amministrare in un settore così complicato, come quello del trasporto, sarà come sempre la città con i suoi cittadini”. Un nuovo sistema che ancora deve essere applicato ma che, a sentire i sindacati, include già degli errori.

Un pensiero riguardo “POTENZA-TRASPORTI: AL VIA LA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA MA E’ GIÀ POLEMICA

I commenti sono chiusi