GDF: SOCIETA’ SPORTIVE EVADEVANO IL FISCO PER 2,3 MLN DI EURO

Condividi subito

La Guardia di finanza controlla 10 associazioni sportive dilettantistiche e scopre un’evasione di 2,3 milioni di euro. Negli ultimi mesi, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Lauria, nell’ambito dell’attività finalizzata alla tutela delle entrate, hanno effettuato numerosi controlli nel settore delle associazioni sportive dilettantistiche. Si tratta di soggetti sottoposti ad una specifica disciplina che prevede un agevolato regime di tassazione. Dal capillare monitoraggio effettuato nei confronti degli operatori di settore, condotto attraverso il sistematico ricorso alle banche dati in uso all’amministrazione finanziaria e l’incrocio delle informazioni rese disponibili dai sistemi informatici (tra gli altri il c.d. spesometro), sono emerse le posizioni, nello specifico, di dieci associazioni sportive praticanti varie discipline agonistiche, tra cui calcio, calcio a 5, pallacanestro e pallavolo di vari comuni del Lagonegrese e della Valsinni. Sei associazioni sono risultate essere del tutto inadempienti rispetto agli obblighi di dichiarazione dei redditi per diverse annualità e, pertanto, qualificati come evasori totali, mentre le restanti quattro associazioni risultano aver sottratto a tassazione una consistente parte delle entrate. Complessivamente, l’importo dei ricavi in nero ammonta a circa 2,3 milioni di euro. E’ stato, inoltre, rilevato come allenatori, accompagnatori e dirigenti abbiano omesso di dichiarare i propri compensi per un totale di circa 260.000 euro. Nell’intento di tutelare la regolare concorrenza tra operatori economici, la Guardia di Finanza prosegue il proprio impegno nella verifica della sussistenza dei presupposti previsti per il godimento di regimi agevolati.

Condividi subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.