MICHELE NAPOLI: IL FALLIMENTO DEL JOBS ACT IN BASILICATA

Condividi subito

michele-napoli«Le nuove assunzioni a tempo indeterminato attivate in Basilicata nei primi otto mesi di quest’anno (7739) sono addirittura inferiori a quelle che furono registrate nell’analogo arco temporale dell’anno 2014, quando, in piena crisi economica, in Basilicata furono attivati ben 8576 contratti di lavoro a tempo indeterminato». E’ quanto rileva Michele Napoli, presidente del Gruppo “Pdl-Forza Italia”, che nel commentare i dati diffusi dall’Osservatorio sul precariato dell’Inps evidenzia come «il sensibile calo delle assunzioni a tempo indeterminato registrato dalla nostra regione tra gennaio ed agosto dell’anno in corso (meno 37,4 per cento rispetto all’analogo periodo dell’anno 2015) testimonia il fallimento del jobs act e quanto sia fallace ritenere che una legge di riforma del mercato del lavoro possa da sola determinare rilevanti incrementi dei livelli occupazionali». Per Napoli i numeri snocciolati dall’Osservatorio sul precariato dell’Inps dimostrano che le assunzioni determinate esclusivamente dalla possibilità di usufruire degli incentivi fiscali previsti dal jobs act sono destinate a sciogliersi come neve al sole, nel senso che se si riducono gli incentivi, come avvenuto con la legge di stabilità 2016 che li ha ridotti da 8000 a 3200 euro per ciascun contratto a tempo indeterminato attivato, si riducono anche le assunzioni. «In verità – prosegue l’esponente azzurro – gli imprenditori assumono quando hanno delle commesse, cioè quando aumenta la domanda di beni o di servizi che l’impresa produce, perché non c’è lavoro se non c’è produzione, e non c’è produzione se non c’è consumo, in una logica di normale incontro tra domanda e offerta di beni e servizi». Per rilanciare l’occupazione «occorre dunque rilanciare la crescita – spiega Napoli -, che in Basilicata fa registrare incrementi all’insegna dello ‘zero virgola’, e migliorare le condizioni di contesto per fare impresa sul territorio. Migliori e più facili condizioni di accesso al credito, infrastrutture funzionali, semplificazione amministrativa, riduzione dei tempi delle procedure amministrative e giudiziarie, abbattimento dei tempi di pagamento delle prestazioni (beni e servizi) rese alle pubbliche amministrazioni e maggiore sostegno agli investimenti in innovazione e ricerca sono le cose che chiedono le imprese. Esattamente i fattori in grado di attribuire carattere strutturale alla ripresa economica e che sono mancati in questi anni in Basilicata, nel cui orizzonte di possibile sviluppo sono transitate molte, troppe meteore».

Condividi subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.