Cambio dell’ordine dei lavori in Commissione ed è bagarre. Molte associazioni lasciano

Condividi subito

leggieriLeggieri (M5S): abbiamo raccolto le reazioni dei rappresentanti di CittadinanzAttiva e del Tribunale del malato sul mancato confronto con i direttori generali e dirigenti ASP e ASM in IV Commissione. Durante la seduta straordinaria della il calendario dei lavori è stato all’ultimo momento stravolto richiedendo prioritariamente l’intervento dei tanti cittadini e delle tante associazioni che si erano prenotate, per spostare al pomeriggio le relazioni dei tecnici.  E così si sono scatenate  le veementi reazioni di alcune associazioni presenti, cha hanno deciso di abbandonare i lavori, tra cui CittadinanzAttiva Basilicata rappresentata dal segretario Maria Antonietta Tarsia che ha dichiarato che ancora una volta questo modo di agire da parte di chi governa la Regione Basilicata conferma la scarsa considerazione che si ha dei cittadini lucani e dei loro diritti. « Sarebbe stato importante – ha aggiunto la Tarsia –  interloquire oltre che con gli esponenti politici presenti, anche con chi poi quotidianamente gestisce la macchina della Sanità lucana ovvero i direttori generali, in modo particolare il Direttore del 118, Colarusso, con cui finora è stato impossibile interfacciarsi». La Tarsia ha voluto richiamare l’articolo 14 del Decreto Legislativo 502 del 1992 relativo alla Partecipazione e tutela dei diritti dei cittadini secondo il quale le regioni promuovono inoltre consultazioni con i cittadini e le loro organizzazioni anche sindacali ed in particolare con gli organismi di volontariato e di tutela dei diritti al fine di fornire e raccogliere informazioni sull’organizzazione dei servizi. Tali soggetti dovranno comunque essere sentiti nelle fasi dell’impostazione .

Condividi subito